fotografia glamour e fashion a firenze
read in english

Da sempre sono affascinato dalla bellezza e dal senso di seduzione di certe fotografie che rientrano in ciò che originariamente si definiva 'glamour'. Dove ambientazione, luci e pose concorrono a creare un senso di fascino e a volte di sogno.

Se non mi conosci, in questo sito, il mio sito, ho messo molte delle immagini che ho creato negli anni, molte, non tutte. Questo sito è un po' un diario, almeno al momento. Per gli ultimi aggiornamenti puoi seguirmi sulla mia pagina facebook
Anche se adoro la fotografia di paesaggio e la fotografia floreale, sono specializzato nel ritratto femminile.
Potrei raccontarti tante cose ma per ora ti basta sapere che vivo a Firenze e amo viaggiare, vieni a scoprire le mie offerte


Scopri i servizi che offro




Fotografia e SEO
In questo periodo ho aggiornato notevolmente il sito, poca fotografia purtroppo, ma tanto lavoro per indicizzarla meglio
Premessa Premesso che non tutti i motori di ricerca usano le stesse informazioni e che comunque per indicizzare le immagini, la cosa più importante è compilare gli attributi alt e magari anche title dell'immagine, preso atto che la fotografia viene registrata dal motore di ricerca insieme all'associazione di testo che può essere vicino, compreso l'attributo alt dell'immagine stessa
Uno dei meccanismi chiave, oggi, non tanto per indicizzare, quanto per far comprendere al motore di ricerca il significato delle informazioni, compreso quindi le immagini è quello di usare i microdata di html5 con il vocabolario di schema.org che è stato creato apposta da un gruppo di lavoro formato da Google, Microsoft, Yahoo e Yandex.
Se sei un esperto di SEO sai già bene di cosa sto parlando, o dovresti. Se sei un fotografo perso nel tentativo di far indicizzare meglio il tuo prezioso lavoro allora forse puoi partire da qui.
Ma andiamo al caso specifico.
Nella fattispecie, sto facendo un esperimento per le gallery. La struttura particolare del mio sito usa le chiamate Ajax per ricaricare il contenuto della gallery o delle notizie ottimizzando la dimensione delle immagini in funzione del dispositivo usato.
Nel vocabolario di schema.org Ci sono sostanzialmente tre oggetti che hanno significato per la fotografia
  • ImageGallery
  • ImageObject
  • Photograph

Quello che manca in modo chiaro è la spiegazione di cosa usare per rappresentare il contenuto di un album di foto e come differenziare l'immagine della piccola anteprima dalla foto grande, per far si che il motore di ricerca associ l'immagine grande al testo che la riguarda e non al testo eventualmente presente nel resto della pagina
Esperimento Questo quindi, è solo il resoconto del mio esperimento
Per la gallery, dicevo, in primo tempo avevo usato un itemtype particolare, Photograph, che a rigor di logica mi sembrava più specifico per le foto che un itemtype= ImageObject.

Analizzando a fondo sembra che Photograph sia dedicato a rappresentare una fotografia stampata e identificabile con dimensioni e materiale, informazioni valide per esempio per la fine art e non per un album digitale relativo a servizi fotografici non stampati

L'altra cosa che non mi convinceva, è la mancanza di un collegamento tra ImageGallery e Photograph. Cercando sul web non ho trovato implementazioni particolari come quella del mio sito


Analizzando ulteriormente le specifiche di schema.org ho implementato questa soluzione:
  • Gallery etichettata come ImageGallery
  • Anteprime della gallery etichettate come ImageObject
  • Immagine grande della foto selezionata etichettata come ImageObject ma usando il campo primaryImageOfPage All'interno della ImageGallery
Le foto risultano effettivamente indicizzate
Nota:Le immagini del mio sito vengono dimensionate dal server in modo da rientrare nello schermo del dispositivo usato, quindi un iphone le scaricherà larghe 300px mentre un pc le scarica larghe 800px. La dimensione indicizzata risulta essere quella da 800px come sperato
Com'è nato il set con l'abito in ecopelle
Non so ancora se sarà il primo o l'unico set fatto con un abito di pelle, ma questo set ha una storia tutta sua che mi fa piacere condividere.

Ammetto di essere fortunato, ho delle amiche stupende e Ady è una di queste, sempre positiva e propositiva.

Il set parte da lontano, da Febbraio con la proposta di un servizio fotografico glamour all'aperto nel mezzo della neve con una pelliccia. Idea affascinante, ma che ha portato, dopo una serie di chiacchierate alla realizzazione di quest'abito. Abito progettato letteralmente via chat a forza di confronti reciproci sul tenore "ti piace questo genere?". Insomma, presa la vecchia macchina da cucire mi sono messo alla prova sperimentando un po' come fare qualche cucitura decente.

In realtà cercavo un panno tipo camoscio perchè mi ero originariamente ispirato ai personaggi della serie the lost world of atlantis ma il negozio di scampoli è stato in grado di fornirmi solo l'ecopelle, bella, morbida, semplicemente perfetta anche se non era quello che stavo cercando

A questo punto la difficoltà è stata scoprire come fare a cucire l'ecopelle, a chi è pratico di sartoria verrà da ridere, ma senza conoscenze pregresse è una bella sfida capire perchè uno dei rocchetti della macchina tendeva a fare groviglio di filo e non una cucitura.
Scoperto il trucco della carta da forno per togliere il problema dell'attrito della pelle, sono andato avanti.

Le rondelle non immaginate quanti problemi per trovare delle banali rondelle, le trovi a pacchi da chili ma non di una decina, belle ottonate, come servivano a me. Uno pensa che a Firenze si trovi tutto e invece...

La parte finale la vedete in fotografia, certamente, creare un reggiseno per una modella e non verificare le misure prima è da folli, ma è andata bene!

Per l'ambientazione del servizio fotografico ho scelto Il ponte di Annibale lungo il corso dell'Arno
A metà settembre, data del servizio, fortunatamente era accessibile per l'Arno ancora vuoto.
La costruzione davanti al ponte è un antico mulino, purtroppo lasciato andare

Per fare la fiaccola, ho cercato un bastone adatto nel bosco e, sulla traccia di alcuni video, ho usato il combustibile per lampade che puoi trovare dal ferramenta, è perfetto, basta dare tempo alla tela di imbeversi completamente per non farla bruciare

magliette glam collection
Tempo fa ho provato a stampare una maglietta tramite il servizio di print on demand disponibile su redbubble. Il risultato è appena desaturato in confronto alla mia immagine, ma devo dire che sono soddisfatto della qualità. La maglietta è di cotone e morbida e non hai la sensazione di appiccicoso o irrigidimento come con altri tipi di stampa che ho provato. L'unico consiglio è quello di usare il formato file PNG per inviare il file, questo perchè non danno informazioni sul tipo di profilo colore che adottanoSe vuoi questa maglietta, clicca qui. Sarò felice di avere un tuo commento


info@leonardofanini.com - P.I. 05423550481